WordPress Multilingua Multisito

Durante la creazione di questo sito mi sono chiesto come realizzare WordPress Multilingua Multisito. Inoltre, era davvero necessario creare una versione anche in inglese del sito? Alla seconda domanda è stato facile rispondere: un sito multilingua aumenta esponenzialmente la visibilità!

 

Se poi la seconda lingua è l’inglese l’esponenziale cresce ancora più rapidamente.  Quindi, più che necessità, un sito multilingua è quasi un obbligo.
La risposta alla prima domanda non era facile tanto che, inizialmente, intrapresi una strada rivelatasi poi completamente sbagliata . WordPress, il CMS alla base di questo sito, non gestisce nativamente un sito multilingua (l’opzione multisite non è per niente sinonimo di multilingual!!!). Vi sono comunque modalità più o meno complicate per creare un sito multilingua basato su WordPress. Nella stragrande maggioranza queste metodologie si basano su:

  • doppia installazione di WordPress;
  • utilizzo di plugin free (es. Polylang) o pay (es. WMPL);
  • utilizzo del multisite di WordPress con l’aggiunta di plugin per la gestione (es. MPM)

Purtroppo, questi metodi aumentano il tempo da dover dedicare al sito, sia per la configurazione iniziale, sia per la gestione quotidiana. Visto che non avevo alcuna intenzione di gestire due installazioni di WordPress più o meno indipendenti, ho pensato di semplificare l’approccio al problema: creare un unico sito totalmente in inglese e scrivere gli articoli in inglese, in italiano o in entrambe le lingue a seconda dell’argomento trattato. Ogni articolo, a seconda della lingua, era inserito nella categoria “English” o “Italiano” per una facile ricerca e amministrazione. Questa scelta fu disastrosa!!!

Per motivi che spiegherò magari in un futuro post, gli spider di Google riuscivano con estrema difficoltà ad indicizzare correttamente il sito, quindi pochissime visite. Studiando un po’ di tecniche SEO la soluzione migliore è stata quella di utilizzare WordPress Multisite così da avere due siti con lingue diverse completamenti divisi.

Le motivazioni della scelta sono comunque è un tantino più complicate…

 

Alla prossima.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *